domenica 23 luglio 2017
 

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire

HOMECRONACAPOLITICAECONOMIACULTURA&SPETTACOLISPORTL'ALTRO PREMIOFOTOTECA REDAZIONECONTATTI
POLITICA

Confronto tra i cinque candidati
sindaci al Palato Cafè & Bistrot



14/05/2017   Pasquale Caputi, direttore di Molfettalive, e Tommaso Poli, direttore della nostra testata, nell’ambito della collaborazione giornalistica, hanno organizzato e moderato un incontro-dibattito in cui i cinque candidati sindaci della città si sono confrontati.
L’elegante cornice è stata quella del Palato Cafè & Bistrot di via Dante 66.
L’incontro è iniziato puntualmente alle 18:30 con l’arrivo dei candidati Leonardo Siragusa, Tommaso Minervini, Isabella De Bari, Gianni Porta e Bepi Maralfa.
Le domande loro rivolte hanno riguardato i problemi del completamento del porto, della raccolta porta a porta, dell’urbanistica, dell’impiantistica per finire con l’impegno per i primi cento giorni di amministrazione nel caso di elezione a sindaco.
Per ciascuna domanda ogni candidato ha avuto tre minuti cronometrati a disposizione e poco più di un minuto per la replica.
La diretta differita dell’incontro oggi stesso sarà pubblicata sulla rete internet (social network e siti on line dei giornali).
Il video è pressochè integrale. Sono stati tagliati solo alcuni momenti tecnici in cui il microfono si è inceppato ed anche la breve parte del richiamo alla disciplina rivolto dai moderatori al pubblico e ai candidati ospiti per qualche momento particolarmente cocente del confronto.
Tutto sommato il confronto si è svolto con sufficiente regolarità tra qualche inevitabile scintilla.
Quella più importante è scoppiata tra i candidati De Bari e Minervini sulla questione del porto.
Isabella De Bari ha osservato che la questione del porto è sostanzialmente sbloccata già da tempo ma la passata amministrazione è stata inerte, dunque il completamento dei lavori è possibile perchè le vicende giudiziarie in corso riguardano terze persone, non il Comune.
Tommaso Minervini ha rivendicato, invece, la sua posizione di candidato eticamente equidistante rispetto alle vicende amministrative e giudiziarie e quindi non riconosce al candidato De Bari quelle qualità di equidistanza che consentono di interloquire operosamente con le istituzioni concorrenti alla soluzione della vicenda.
De Bari ha replicato qualificando le argomentazioni di Minervini come temi da campagna elettorale e quindi gli ha risposto sullo stesso piano evidenziando la sua appartenenza allo schieramento che ha sostenuto la passata amministrazione, inerte su diversi fronti, e lo ha accusato di essere politicamente corresponsabile delle odierne criticità.
È seguita l’ulteriore replica di Minervini in senso contrario.
Ma non è solo questo punto che rende interessante la visione del video.
Sui primi cento giorni Siragusa si è detto intenzionato a revisionare la macchina amministrativa del Comune. Per lui riorganizzare il Comune e renderlo più efficiente, è il primo obiettivo funzionale a tutti gli altri. Rivendica, però, di poter fare tutto questo in piena autonomia essendo privo da condizionamenti da coalizione perchè la lista che lo sostiene è unica, la sua lista civica.
Bepi Maralfa ha sottolineato la sua posizione di amministratore uscente, conoscitore dei problemi che non possono essere risolti con la facilità con cui sgorgano le promesse preelettorali. Polemizzando con Tommaso Minervini lo ha accostato al dio Nettuno con riferimento al programma di ripulire il mare.
Tra gli interventi immediati vorrà dedicarsi agli anziani e ai giovani.
Gianni Porta vorrebbe introdurre le migliorie del metodo di raccolta dei rifiuti porta a porta pensando alle categorie svantaggiate e a un sistema di sanzioni per le infrazioni. Vorrebbe censire le attività culturali e sportive con riferimento alle concessioni ai privati, pensando ad un piano di rientro concordato per ripianare economicamente le pendenze verso il Comune. Infine vorrebbe occuparsi del rilancio delle attività artigianali e commerciali del territorio cittadino.
Isabella De Bari intende procedere alla derattizzazione della città, all’eliminazione del metodo porta a porta (fermo restando il concetto della differenziata), al recupero di quanto ancora possibile dei quaranta milioni di euro fatti sfumare dalla passata amministrazione.
Tommaso Minervini, forte della sua attività di ricognizione e di studio delle soluzioni in corso già da tempo, ha rimarcato la sua immediata operatività per dar vita al suo nutrito programma amministrativo; la sua immediatezza e velocità sono dettate dall’esigenza di intercettare i fondi europei che hanno una stretta scadenza temporale.
In questa tornata elettorale la qualità dei candidati è certamente buona e quindi non ci resta che augurare loro un buon lavoro per la campagna elettorale.
Come redazione vorremmo dedicare un rigo per complimentarci col nostro direttore Tommaso Poli per essere riuscito col collega Pasquale Caputi, a realizzare e condurre questo importante evento cittadino con autentica passione e spirito di servizio per la città di Molfetta.

Cosimo de Gioia




Il video è visibile a questo link:

https://m.youtube.com/watch?v=eCDTKY1SJtE



di redazione@laltramolfetta.it
Luglio
Copertina
ULTIME NOTIZIEUltime Notizie
ATTUALITÀ
il Volontariato
in (piazza) Paradiso
CULTURA
U Parrinu.
Don Pino Puglisi
ATTUALITÀ
Molfetta non merita
ATTUALITÀ
Red Bull Cliff Diving World Series
con Alessandro De Rose
CULTURA
Sogni in musica. Concerto
di fine anno accademico
CRONACA
Ricordo XXV anniversario
attentato al giudice Borsellino
L'altra Molfetta

Condividi su FacebookPOLITICA
Confronto tra i cinque candidati
sindaci al Palato Cafè & Bistrot



14/05/2017   Pasquale Caputi, direttore di Molfettalive, e Tommaso Poli, direttore della nostra testata, nell’ambito della collaborazione giornalistica, hanno organizzato e moderato un incontro-dibattito in cui i cinque candidati sindaci della città si sono confrontati.
L’elegante cornice è stata quella del Palato Cafè & Bistrot di via Dante 66.
L’incontro è iniziato puntualmente alle 18:30 con l’arrivo dei candidati Leonardo Siragusa, Tommaso Minervini, Isabella De Bari, Gianni Porta e Bepi Maralfa.
Le domande loro rivolte hanno riguardato i problemi del completamento del porto, della raccolta porta a porta, dell’urbanistica, dell’impiantistica per finire con l’impegno per i primi cento giorni di amministrazione nel caso di elezione a sindaco.
Per ciascuna domanda ogni candidato ha avuto tre minuti cronometrati a disposizione e poco più di un minuto per la replica.
La diretta differita dell’incontro oggi stesso sarà pubblicata sulla rete internet (social network e siti on line dei giornali).
Il video è pressochè integrale. Sono stati tagliati solo alcuni momenti tecnici in cui il microfono si è inceppato ed anche la breve parte del richiamo alla disciplina rivolto dai moderatori al pubblico e ai candidati ospiti per qualche momento particolarmente cocente del confronto.
Tutto sommato il confronto si è svolto con sufficiente regolarità tra qualche inevitabile scintilla.
Quella più importante è scoppiata tra i candidati De Bari e Minervini sulla questione del porto.
Isabella De Bari ha osservato che la questione del porto è sostanzialmente sbloccata già da tempo ma la passata amministrazione è stata inerte, dunque il completamento dei lavori è possibile perchè le vicende giudiziarie in corso riguardano terze persone, non il Comune.
Tommaso Minervini ha rivendicato, invece, la sua posizione di candidato eticamente equidistante rispetto alle vicende amministrative e giudiziarie e quindi non riconosce al candidato De Bari quelle qualità di equidistanza che consentono di interloquire operosamente con le istituzioni concorrenti alla soluzione della vicenda.
De Bari ha replicato qualificando le argomentazioni di Minervini come temi da campagna elettorale e quindi gli ha risposto sullo stesso piano evidenziando la sua appartenenza allo schieramento che ha sostenuto la passata amministrazione, inerte su diversi fronti, e lo ha accusato di essere politicamente corresponsabile delle odierne criticità.
È seguita l’ulteriore replica di Minervini in senso contrario.
Ma non è solo questo punto che rende interessante la visione del video.
Sui primi cento giorni Siragusa si è detto intenzionato a revisionare la macchina amministrativa del Comune. Per lui riorganizzare il Comune e renderlo più efficiente, è il primo obiettivo funzionale a tutti gli altri. Rivendica, però, di poter fare tutto questo in piena autonomia essendo privo da condizionamenti da coalizione perchè la lista che lo sostiene è unica, la sua lista civica.
Bepi Maralfa ha sottolineato la sua posizione di amministratore uscente, conoscitore dei problemi che non possono essere risolti con la facilità con cui sgorgano le promesse preelettorali. Polemizzando con Tommaso Minervini lo ha accostato al dio Nettuno con riferimento al programma di ripulire il mare.
Tra gli interventi immediati vorrà dedicarsi agli anziani e ai giovani.
Gianni Porta vorrebbe introdurre le migliorie del metodo di raccolta dei rifiuti porta a porta pensando alle categorie svantaggiate e a un sistema di sanzioni per le infrazioni. Vorrebbe censire le attività culturali e sportive con riferimento alle concessioni ai privati, pensando ad un piano di rientro concordato per ripianare economicamente le pendenze verso il Comune. Infine vorrebbe occuparsi del rilancio delle attività artigianali e commerciali del territorio cittadino.
Isabella De Bari intende procedere alla derattizzazione della città, all’eliminazione del metodo porta a porta (fermo restando il concetto della differenziata), al recupero di quanto ancora possibile dei quaranta milioni di euro fatti sfumare dalla passata amministrazione.
Tommaso Minervini, forte della sua attività di ricognizione e di studio delle soluzioni in corso già da tempo, ha rimarcato la sua immediata operatività per dar vita al suo nutrito programma amministrativo; la sua immediatezza e velocità sono dettate dall’esigenza di intercettare i fondi europei che hanno una stretta scadenza temporale.
In questa tornata elettorale la qualità dei candidati è certamente buona e quindi non ci resta che augurare loro un buon lavoro per la campagna elettorale.
Come redazione vorremmo dedicare un rigo per complimentarci col nostro direttore Tommaso Poli per essere riuscito col collega Pasquale Caputi, a realizzare e condurre questo importante evento cittadino con autentica passione e spirito di servizio per la città di Molfetta.

Cosimo de Gioia




Il video è visibile a questo link:

https://m.youtube.com/watch?v=eCDTKY1SJtE



di redazione@laltramolfetta.it